, A chi deve rivolgersi la tua APP?, Migastone Blog

A chi deve rivolgersi la tua APP?

Dopo aver finalmente deciso di creare una propria APP è chiaramente necessario innanzitutto fare quello che nel settore viene chiamato elaborazione del concept.

In sostanza, è essenziale delineare fin da subito che cosa dovrà essere nel concreto la tua APP. Come desideri che sia, a cosa dovrà servire, quale sarà il suo scopo?

E tutto questo deve essere fatto ben prima di passare, poi, alla pratica vera e propria. Se non hai ben chiaro in mente il concept di partenza, c’è il rischio concreto che la tua applicazione alla fine risulti confusionaria e disordinata oppure, molto peggio, che non serva a nulla.

Nel processo di elaborazione rientra anche un elemento fondamentale, ossia il target.

Se hai intenzione di sviluppare un’applicazione per smartphone è sicuramente perché vuoi raggiungere un numero piuttosto consistente di persone… ma che persone?

A chi deve rivolgersi la tua APP?

È davvero importante rispondere a questa domanda prima di cimentarsi con la programmazione vera e propria.

Molto spesso ci capita di sentire di qualcuno che, preso forse dall’entusiasmo o semplicemente dalla superficialità, non si cura minimamente di questo aspetto fondamentale, pensando di poter raggiungere qualsiasi tipo di persona e senza dunque una vera strategia dietro alla scelta del target.

Niente di più sbagliato: senza un target definito la tua APP non raggiungerà nessuno!

Ovviamente, come abbiamo cercato di far capire, target e concept sono strettamente connessi.

Vediamo quindi a chi potrebbe rivolgersi la tua APP.

APP rivolte al grande pubblico

Queste applicazioni mobile sono destinate a un pubblico molto ampio e, per definizione, estremamente eterogeneo e diversificato.

In qualche modo, le applicazioni di questo tipo sono quelle più diffuse negli stores, ma siamo sicuri che la tua APP debba rivolgersi al grande pubblico?

Queste APP, infatti, coprono generalmente argomenti ampiamente accessibili e di rilievo per tutti. Bisogna quindi capire quale sia lo scopo della tua applicazione.

Se ad esempio si tratta dell’applicazione di un parrucchiere, va da sé che non ha alcun senso programmarla per un pubblico così ampio. Cerca piuttosto di definirla localmente, dopotutto ti rivolgi ai potenziali clienti situati nella tua città e non di certo in tutta Italia…

Più rivolte verso un pubblico così vasto sono invece le categorie più generaliste. In questo senso, un magazine o un quotidiano ha molte più possibilità di diffondersi tra la massa, perché tutti leggiamo le notizie dal cellulare continuamente. E questo vale anche per i giornali locali, qualora cerchino di darsi un’impronta più nazionale e di ampio respiro.

Tuttavia, valuta bene se sia il caso di rivolgersi fin dall’inizio ad una platea così ampia. Il rischio è infatti quello di creare un’APP che, con la pretesa di soddisfare tutti, finisca per essere troppo dispersiva e non soddisfare nessuno!

APP rivolte alle aziende

In questo caso, la tua APP dovrà essere composta in modo totalmente differente.

Infatti, le aziende cercano soprattutto delle APP con tool utili e funzionali al loro business e che ne migliorino la produttività (organizzazione del lavoro, comunicazione tra i dipendenti, gestione dei compiti…) o delle APP con finalità finanziarie (news di mercato,  strumenti di investimento, gestione delle finanze…).

Se quindi l’applicazione che hai in mente vuole rivolgersi alle aziende, considera un look decisamente più elegante e formale. Le aziende tendono a guardare più al contenuto e alla qualità che a tutto il resto. Quindi non rendere l’applicazione troppo appariscente e stravagante, ma rimani piuttosto sull’essenziale.

La tua APP deve per loro essere sinonimo di innovazione ed evoluzione.

Magari considera pure di impostare una newsletter o un sistema di notifiche PUSH periodiche che informino le aziende di tutti gli ultimi aggiornamenti sull’argomento trattato, ti ringrazieranno!

APP rivolte ai clienti

Se invece la tua APP è pensata per essere utilizzata dai clienti di una attività, allora devi pensare soprattutto a fidelizzarli attirandoli verso quel determinato brand e invogliandoli ad acquistare.

Per questo, è fondamentale sfruttare delle notifiche PUSH per tenere informati i clienti riguardo eventuali promozioni speciali e sconti, così come la possibilità di usufruire dei tuoi coupon. I clienti cercano infatti una cosa in particolare: la convenienza. Quindi cerca con la tua APP di fargliela percepire continuamente.

Oltre alle notifiche, tieni in considerazione la scrittura di contenuti di qualità che rendano il tuo marchio più umano e accessibile e mostrino i benefici che potrà ottenere presso la tua attività.

E se è il caso, valuta la possibilità di includere uno shop da cui i tuoi clienti possano acquistare direttamente dal loro smartphone in modo veloce e facile!

Ricorda infine che, a differenza di un’app rivolta alle aziende, in questo caso è essenziale che l’interfaccia sia abbastanza accattivante da catturare e mantenere a lungo l’attenzione degli utenti.

 

Detto questo, adesso comprendi perché è così importante definire a priori a quale tipologia di target deve rivolgersi la tua APP. Da questo dipenderà infatti tutto il contenuto dell’applicazione, così come la sua interfaccia e il suo intero scopo.

Quindi, se sei un freelancers con la passione per il mondo del Mobile Marketing, entra subito nella terza economia mondiale, quella del Digital Marketing!

Chiunque può diventare esperto di Mobile Marketing e programmazione di APP, basta solo una buona dose di impegno e la volontà di mettersi in gioco.

Essendo poi un mercato in costante ascesa e già fortemente diffuso, i guadagni sono grandiosi!

Quindi non perdere altro tempo…

Se non conosci il Mobile Marketing e le sue opportunità, scopri tutti i dettagli nella mia Masterclass gratuita che ti ho preparato qui:

www.migastoneacademy.com/mme-masterclass2

Lascia un commento